«Questo film è il risultato di uno sforzo di due anni. Il soggetto è un concentrato cinematografico de I soliti idioti con il quale volevamo passare dalla forma di sketch della serie tv ad una storia con un ritmo interno che reggesse». Così Francesco Mandelli, interprete e autore del film in uscita venerdì 4 novembre, ha presentato oggi alla stampa milanese la commedia che porta sul grande schermo i personaggi dell’omonima serie trasmessa da MTV, passata da fenomeno di nicchia a successo nazionale. Un successo propagatosi soprattutto grazie al tam tam su Internet, dove gli sketch di Ruggero e Gianluca De Ceglie (i due protagonisti) sono cliccatissimi e molto amati dagli utenti. Un trampolino di lancio, quello del web, che la produzione del film (affidata a Taodue) ha sfruttato a proprio vantaggio. «Internet è il linguaggio dei ragazzi», ha spiegato Pietro Valsecchi, presidente di Taodue, «Lo abbiamo messo in conto per la diffusione e per la promozione del film». E in effetti sulla pagina Facebook creata per l’evento “4 novembre 2011 – Tutti al cinema. Ce stanno I soliti idioti“, in pochi giorni sono già più di 8mila quelli che hanno cliccato sul fatidico “parteciperò”; mentre su You Tube alcuni dei loro sketch sono arrivati a superare persino il milione di visualizzazioni. «Noi siamo stati eletti democraticamente», ha orgogliosamente precisato Fabrizio Biggio, sodale di Mandelli che conosciamo soprattutto nei panni del placido Gianluca, «Quando gli episodi erano in onda su MTV non avevamo i dati Auditel. Quindi non sapevamo come stessero effettivamente andando. Però su Internet vedevamo che si moltiplicavano le visualizzazioni. Il popolo del web ci chiedeva “Ma quando fate il film?!”». Detto, fatto. I due colleghi hanno messo mano, insieme all’altro storico co-autore Martino Ferro, ai loro personaggi e imbastito una trama da portare in sala, inserendosi così nel filone di tutti quei comici che, trovata la fortuna in tv, tentano il colpaccio anche al cinema. Non a caso è Checco Zalone quello che Mandelli e Biggio citano più volentieri per un confronto. E, con una telefonata imprevista e in diretta sul cellulare di Valsecchi, è stato anche Francesco Facchinetti a elargire la sua benedizione al film, annunciando in viva voce «Ho appena visto il film. Mi è piaciuto tantissimo. Farà più di Checco Zalone! Farà più di 72 milioni di euro! Una figata!».

A rinsaldare la fiducia del cast e della produzione, che punta moltissimo su quel passaparola che ha già determinato la fortuna del serial in tv, anche l’entusiasmo di qualche fan della serie presente in sala che ha promosso il film, per la soddisfazione di Valsecchi che ha sottolineato: «E’ complicato fare un film nuovo, trovare nuovi contenuti e usare un linguaggio contemporaneo. Loro (Mandelli e Biggio ndr) in questo sono più avanti degli altri».  Mentre dal canto suo Francesco Mandelli ha riconosciuto a Taodue e Medusa Film (che distribuirà il film) il merito di averli lasciati molto liberi: «Ci hanno permesso di fare una cosa giovane e non giovanilistica. Una scelta lungimirante».

Accanto ai due attori anche una new entry: la bellissima Madalina Ghenea, modella e attrice rumena, al centro del gossip in questi giorni per una presunta (e smentita) relazione con Leonardo DiCaprio, che qui interpreta la testimonial del marchio di biancheria intima Smutandissimi. Anche lei si è dichiarata una fan sfegatata della serie e al primo incontro con il cast ha lasciato tutti a bocca aperta ripetendo a memoria canzoni e battute degli sketch. Un’approvazione unanime insomma quella per il debutto al cinema della coppia genitore-figlio e di tutto l’entourage di personaggi grotteschi più politically scorrect del piccolo schermo, incrinata solo da una provocazione che ha accusato il film di essere “senza tempi comici”. Ma anche in questo caso la risposta non si è fatta attendere: «Sono felicissimo di questo commento, perché è esattamente lo stesso che ci fecero quando presentammo la serie a MTV. Vuol dire che siamo riusciti a mantenere la nostra cifra originale». Ora resta da vedere se i fan del piccolo schermo e del web premieranno i loro beniamini anche in sala. Il sequel è già dietro l’angolo…

(Foto: Paolo Proserpio)

Leggi l’intervista a Fabrizio Biggio

Leggi l’intervista a Francesco Mandelli

Leggi la trama e guarda il trailer de I soliti idioti

© RIPRODUZIONE RISERVATA