Per i lettori della trilogia, il fatto che Jennifer Lawrence in Hunger Games: Il Canto della Rivolta- Parte 1 canti non è certo una news. SPOILER.

Il suo (ormai iconico) personaggio, la Ghiandaia Katniss Everdeen, nel capitolo conclusivo della saga scritta da Suzanne Collins intona infatti un inno vietato da Capitol City in quanto portatore di messaggi di protesta contro il governo.
Si tratta de L’albero degli Impiccati (The Hanging Tree), una canzone insegnata a Katniss dal padre defunto. Oltre ad avere un legame affettivo con il pezzo, l’eroina del racconto young adult scopre nel tempo il vero significato del testo, decisamente inquietante e oscuro. «Verrai, verrai, all’albero verrai…»

Anche nella versione cinematografica The Hanging Tree non poteva mancare, e la stessa Jennifer Lawrence si è occupata di rendere realtà la canzone scritta nel romanzo. Ma non crediate che l’attrice premio Oscar fosse contenta di assolvere il suo compito canoro…
Stando infatti a quanto riportato dal regista Francis Lawrence, Jennifer non desiderava in alcun modo di esprimere al mondo le sue doti vocali, tanto che il giorno della registrazione si è fatta un pianto dettato dall’ansia. «Jennifer non era contenta, ed è stata costretta a cantare per un’intera giornata. L’ho sorpresa mentre piangeva, ma questo non le ha impedito di girare la scena. Credo che mi abbia odiato quel giorno, ma alla fine è riuscito magnificamente come suo solito. Questo non lo ammetterà mai, per Jennifer è molto sensibile riguardo alle sue doti canore. Si paragona ad Amy Winehouse molto stonata

Per quanto possa valere, il risultato finale è ottimo, migliorato anche dalla direzione musicale curata dai Lumineers. Potete ascoltare The Hanging Tree qui di seguito, in attesa di vedere il momento canoro al cinema.

Fonte: ew

© RIPRODUZIONE RISERVATA