Alle Giornate Professionali di Cinema di Sorrento è il giorno del listino Disney. Tra i titoli in programma nei prossimi dodici mesi, particolare attenzione è stata dedicata al kolossal fantascientifico John Carter of Mars, ispirato a un ciclo fantasy di Edgar Rice Burroughs (il creatore di Tarzan) risalente addirittura al 1911.

Del film, di cui vi abbiamo già parlato e mostrato il trailer italiano, si sa che il protagonista (Taylor Kitsch, lo stesso di Battleship) è un ex-soldato sudista (siamo nella seconda metà dell’Ottocento) che finisce misteriosamente su Marte, in seguito ad una “trasmigrazione” della sua anima. Qui fa la conoscenza con gli Uomini Verdi, creature alte tre metri e dotate di 4 braccia che abitano il pianeta. Dapprima Carter viene fatto prigioniero ma poi, grazie al suo coraggio e alla sua straordinaria abilità a fare salti giganti (dovuti alla ridotta gravità del pianeta), si guadagna il rispetto e diventa alleato degli Uomini Verdi nella battaglia contro un altro gruppo di indigeni, gli Uomini Rossi, molto più simili agli umani.

A Sorrento sono state mostrate 4 nuove clip del film.
Nella prima John Carter fa la conoscenza degli Uomini Verdi e scopre la sua capacità di saltare. L’atmosfera è western, e vediamo gli Uomini verdi arrivare a cavalcioni di strane creature simili a cammelli, imbracciando lunghi fucili dai contorni tribali.
Nella seconda Carter è tenuto prigioniero in una grotta, con i polsi in catene, immerso fino al collo tra i cuccioli di una buffa razza aliena (il corrispondente marziano dei cani terrestri). La madre dei cuccioli, che vigila su di lui, più che minacciosa è amichevole, ed ha l’abilità di spostarsi a velocità supersonica.
Nella terza clip, Carter è in una grande arena dove viene liberata una gigantesca scimmia bianca carnivora: si tratta di una variante locale dei giochi gladiatori. Insieme a lui c’è anche l’unico Uomo Verde che nella prima sequenza si è schierato al suo fianco impedendo ai compagni di ucciderlo.
Nell’ultima clip vediamo Carter fuggire al galoppo su una piana desertica, braccato da un’orda di Uomini Verdi. Con lui ci sono anche la madre dei cuccioli alieni, con cui evidentemente nel frattempo ha fatto amicizia, e una donna bellissima, appartenente alla popolazione degli Uomini Rossi.

Da queste prime clip il film sembra in bilico tra fantasy, fantascienza pura e western, con atmosfere che richiamano alla memoria la prima trilogia di Guerre Stellari. Davvero efficace la computer grafica: tutte le creature aliene si muovono con assoluta fluidità e naturalezza, e sono perfettamente integrate nell’ambiente circostante. Va anche detto che le clip sono state mostrate in 2D, mentre il film uscirà nelle sale in 3D.

Clicca qui per il nostro speciale su tutti i film del 2012.

Sotto alcune foto del film:

© RIPRODUZIONE RISERVATA