Ancora problemi per Lo Hobbit che, come già dicevamo qualche mese fa, è probabilmente una delle produzioni più travagliate della storia recente, con polemiche di stampo politico e incertezze su chi avrebbe dovuto assumere il ruolo di regista in seguito all’addio di Guillermo del Toro. Proprio il successore di quest’ultimo, Peter Jackson, è ora finito in ospedale: ricoverato d’urgenza, a causa di un’ulcera perforata, è già stato operato e ora sta bene. Purtroppo i tempi della convalescenza gli imporranno un leggero riinvio dell’inizio delle riprese, il cui via era programmato in Nuova Zelanda per il 14 febbraio 2011, mentre il film dovrebbe uscire nelle sale il 19 dicembre 2012 (la seconda parte, invece, esordirà sul grande schermo a dicembre 2013).

Queste le parole del portavoce di Jackson: «Peter Jackson è stato ricoverato all’Ospedale di Wellington mercoledì sera a causa di un dolore acuto allo stomaco. Successivamente è stato sottoposto a una operazione chirurgica per un’ulcera perforata. Peter si sta ora rimettendo tranquillamente e i dottori ritengono che guarirà completamente. L’operazione non avrà alcun impatto sul suo impegno nel dirigere Lo Hobbit, oltre a un piccolo rinvio dell’inizio delle riprese». Il regista girerà in 3D utilizzando le nuovissime cineprese EPIC, prodotte da RED Digital Cinema, società che sta imponendo il nuovo standard tecnologico per le riprese cinematografiche.

Nel cast de Lo Hobbit: Martin Freeman (Bilbo), Ian McKellen (Gandalf), Richard Armitage (Thorin Scudodiquercia), Elijah Wood (Frodo), Rob Kazinsky (Fili), Aidan Turner (Kili) Graham McTavish (Dwalin), Mark Hadlow (Dori), John Callen (Oin), Stephen Hunter (Bombur), Peter Hambleton (Gloin), James Nesbitt (Bofur), Ryan Gage (Drogo Baggins), Mikael Persbrandt (Beorn), Cate Blanchett (Galadriel), Christopher Lee (Saruman), e Andy Serkis (Gollum). (Foto Kikapress)

Guarda le foto dal set

Leggi Howard Shore comporrà la colonna sonora

Le riprese saranno effettuate in Nuova Zelanda

© RIPRODUZIONE RISERVATA