Eravamo venuti per Thor: The Dark World, abbiamo avuto non uno, ma tre regali speciali: un trailer esteso con scene inedite di Captain America: The Winter Soldier, un breve teaser di Avengers 2 e una lunga clip, quasi completamente inedita, dei Guardiani della Galassia!

Partiamo dalla non-novità: il teaser di Avengers 2 è identico a quello già presentato a San Diego, e ovviamente non mostra ancora nulla del film, le cui riprese non sono ancora cominciate. Piuttosto, un breve filmato in CGI che ruota intorno alla maschera di Ultron, con voiceover degli Avengers che spiegano il perché del loro (futuro) ritorno.

Per quel che riguarda i Guardiani, invece, anche chi già era stato al Comic-Con si è potuto godere qualcosa di nuovo: oltre alla clip già vista, un rapido montaggio con alcune scene prese dal film, con pochi se non nessun dialogo e molta azione. Il look e il feeling del film ci avevano già conquistato allora, e le nuove scene confermano la nostra prima impressione: James Gunn è il regista perfetto per un film Marvel, in grado com’è di non prendersi sul serio creando comunque scenari epici e girando scene d’azione con maestria e fantasia.

A proposito di Captain America, invece, quel che abbiamo visto è una versione estesa del nuovo trailer, con in particolare l’ormai famigerata scena dell’ascensore riprodotta per intero. Che dire di questo film? L’aria da vecchio thriller cospirazionista si respira palpabile già da queste poche sequenze, con in più un notevole spettacolo distruttivo di sottofondo. Anche Cap sembra cambiato rispetto al primo film, più sicuro di sé, più vicino, insomma, alla smargiassaggine di Tony Stark e del nuovo Thor. Vediamo se il film confermerà le impressioni.

E Thor? Be’, per quello c’è già la nostra recensione ufficiale, ma permetteteci alcune brevi considerazioni aggiuntive:

Alan Taylor si conferma il regista ideale per questo film: l’esperienza con Il trono di spade e con i Sopranos (tradotto: battaglie epiche e drammi familiari) si sente tutta, e l’uomo ha l’intelligenza, anche nelle sequenze più concitate, di non scollare mai la camera da Thor, evitando l’effetto-confusione e mettendo bene in chiaro chi è il protagonista di questo film;

• chi è disturbato dalla deriva giocosa e farsesca degli ultimi film Marvel, da Avengers ad Iron Man 2, rimarrà deluso anche da questo Thor: si ride, più che con il primo capitolo, e l’umorismo trova posto anche nei momenti più inaspettati. Ormai è questione di prendere o lasciare (tradotto: schierarsi con il #teamdc);

• è tempo che a Loki venga concesso un film tutto suo;

• è fin troppo chiaro che Joss Whedon ha messo mano al terzo atto del film in fase di sceneggiatura;

• la prima delle due scene post-credits ci ha fatto fare un salto alto così sulla sedia.

Per il resto, chi ama la strada creativa intrapresa da Marvel con invidiabile coerenza non potrà non amare questo Thor: The Dark World. Chi, invece, pensa che ridere e divertirsi in un cinecomic sugli dèi di Asgard e sugli Elfi Oscuri sia fuori posto, e che quindi probabilmente ha odiato anche gli Avengers, può anche rinunciarci in partenza: la Casa delle Idee sa cosa vuole e non ha intenzione di cambiare rotta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA