Riportavamo una settimana fa che il CEO di Facebook, Mark Zuckerberg, si è fortemente risentito di The Social Network. Dopo anni infatti dall’uscita del film di David Fincher, vincitore di ben tre premi Oscar, Zuckerberg ha infine espresso tutto il suo disappunto sugli errori di sceneggiatura: i quali, secondo lui, avevano completamente stravolto la storia della sua azienda. «Hanno inventato tanto, e l’ho trovato offensivo. Se davvero avessero fatto un film sulla mia storia ne sarebbero uscite ore di me che programmo».

Ovviamente, preso in causa in quanto sceneggiatore, Aaron Sorkin ha detto la sua su tutta la questione. Diversamente a quanto in molti si aspetterebbero, Sorkin capisce i dubbi di Zuckerberg, tanto che (senza vero pentimento) simpatizza per lui: «Mi dispiace di averlo infastidito. Lo capisco completamente. Nemmeno io vorrei vedere un film che parla della mia vita da 19enne, per questo capisco. Ma davvero, non ho fatto quello che ho fatto per farlo soffrire. È anche vero che non c’è nulla di quello che ho scritto che non rivorrei indietro per poterlo migliorare.»

Il solito perfezionista.

Fonte: today

© RIPRODUZIONE RISERVATA