Dopo l’annuncio del titolo ufficiale di Prometheus 2, ovvero Alien: Paradise Lost, molti fan sono ovviamente rimasti sorpresi dall’inserimento della parola “Alien”, una mossa che odora di mera operazione commerciale per vendere meglio il prodotto.

A spiegare meglio la scelta, adesso, è Ridley Scott in persona, che svela così in un’intervista: «In un modo è Prometheus 2. È esattamente la stessa storia. Ma mentre ci lavoravamo sopra l’abbiamo sempre chiamato così, Alien: Paradise Lost. Avrà pure delle connessioni con Ripley, ma non ve le svelerò».

E per Ripley, l’autore intende ovviamente il mitico personaggio interpretato da Sigourney Weaver nella saga di Alien, un franchise che, ricordiamo, si appresta a tornare sul grande schermo con un nuovo sequel diretto da Neill Blomkamp, la cui data di lavorazione è stata recentemente rinviata. Sottolinea Scott: «Lo produrrò. Il piano è di farlo dopo questo. Questo uscirà per primo».

Insomma, la curiosità è decisamente tanta. In che modo i due sequel si differenzieranno fra di loro? O, meglio ancora: in che maniera saranno invece legati? Per ora, non rimane che attendere l’uscita dei film, e forse potremo finalmente iniziare a vederci con più chiarezza.

Fonte: Collider

© RIPRODUZIONE RISERVATA