durante il press tour di Sopravvissuto – The MartianRidley Scott è ritornato a parlare di Alien: Paradise Lost, il sequel di Prometheus, il cui titolo è stato annunciato dallo stesso regista qualche giorno fa e dell’attesissimo Blade Runner 2.

Le riprese di Alien: Paradise Lost, che secondo quanto affermato dal regista sarà connesso ad Alien, inizieranno nei primi mesi del 2016 e i protagonisti saranno ancora Michael Fassbender e Noomi Rapace. In merito alla trama del sequel Ridley Scott ha dichiarato: «Avete mai letto Paradiso perduto di Milton? In un modo divertente si tratta di una base interessante per l’oscurità di Prometheus 2. Nel libro il ragazzo affascinante, che è molto malvagio, ottiene tutte le ragazze e va nei nightclub. L’altro, che non è altrettanto bello, è dannatamente noioso e rimane a casa. Quindi in un modo divertente lo abbiamo usato come base per il film, sarà Alien: Paradise Lost, il che è veramente sinistro, perché il film continua da dove si era interrotto: con Elizabeth Shaw che dice ‘Voglio andare da dove sono venuti’. E c’è Michael Fassbender diviso in due parti, e lo rimetterà lentamente insieme di nuovo. Andranno nel mondo dell’Ingegnere…quello è il luogo dove sono diretti. Scopriranno chi ha ideato una creatura bio-meccanica così terribile, come un’enorme specie di batteri».

Quando gli viene chiesto del sequel di Blade Runner, Scott fornisce qualche dettaglio in più sul progetto, in particolare sull’idea di fare più di un sequel: «Tutti stanno realizzando dei sequel, quindi perché no? Amo lavorare. Il detto francese ‘Lavora per vivere’ e io vivo per lavorare. Sono veramente fortunato di avere un lavoro che adoro. Tutti i miei figli fanno la stessa cosa. Alcuni elementi della professione hanno a che fare con il provare, ma è un mestiere così competitivo. Non puoi riposarti mai».

In merito al cast del sequel, il regista parla di come ha convinto Harrison Ford a tornare: «Harrison aveva detto ‘Mehh’ e io ho risposto ‘No, leggi questo script’. E dopo averlo letto, mi ha risposto ‘Questo è il migliore copione che io abbia mai letto!’. Ci stiamo lavorando da un paio di anni». Commentando il personaggio di Deckard continua: «Ovviamente è un dannato Replicante! Deve essere obbligato ad ammetterlo…dovrete vedere la storia. Tutto avrà un senso».

Sulla trama e la scelta di Ryan Gosling come protagonista, Scott svela: «Era il 2017, quindi quando torneremo sarà più o meno il 2047. Dipende da quanto giovane può sembrare Ryan Gosling. Ha 34 anni ma può passare benissimo per un 27enne, in modo particolare quando si allena! Quindi al massimo sarà il 2050».

Le riprese del sequel di Blade Runner, diretto da Denis Villeneuve, inizieranno nell’estate del 2016.

Fonte: Yahoo Movies via CBM

© RIPRODUZIONE RISERVATA