space jam 2 arancia meccanica

Nuove polemiche dopo l’uscita del trailer di Space Jam: A New Legacy. Già chiamato al difficile compito di soddisfare i fan dell’originale del 1996 con Michael Jordan, il film se l’è inoltre dovuta vedere con alcune questioni decisamente spinose in materia di politicamente corretto. A queste, si aggiunge ora una polemica per alcuni personaggi che si vedono di sfondo nel trailer.

Dalle prime scene del nuovo Space Jam con LeBron James, si è capito quale sarà la storia del sequel in uscita 25 anni dopo il primo. Il giocatore di basket icona di questa epoca di NBA viene risucchiato all’interno di quello che sembra essere un server Warner Bros., popolato quindi dai mondi e personaggi che hanno fatto la storia della major statunitense. La missione di King James è chiara: giocare una partita di basket contro il Signore del Dominio (Don Cheadle) e salvare suo figlio assieme a Bugs Bunny e compagnia. Il titolo “Una nuova eredità” (in italiano invece è New Legends) si rifà sia al passaggio di consegne tra LeBron e Jordan, sia alla dinamica padre-figlio in questo Space Jam.

Prima ancora dell’uscita del trailer, come detto, il film ha affrontato due grosse polemiche. La prima è quella relativa al personaggio di Pepé La Puzzola: estremamente controverso per i suoi atteggiamenti molesti nei confronti di Penelope Kitty, il personaggio Looney Tunes è ritenuto portatore di un messaggio che inneggia alla cultura dello stupro. Un revisionismo storico che punta ad adeguare gli standard dei comportamenti, anche sottesi, che si trasmettono ai bambini ha portato quindi all’esclusione di Pepé dal film. 

A seguire, è toccato a Lola Bunny finire al centro delle polemiche. In questo caso è stato lo stesso regista, Malcolm D. Lee a decidere di de-sessualizzare il personaggio per renderlo più adatto ad un film per bambini. La coniglietta, che sarà doppiata da Zendaya, non avrà più quel top e le curve che si sono viste nel primo Space Jam. In questo caso, la polemica è stata tra chi sostiene che in questo modo si “rovina il personaggio” e chi invece si chiede quale fosse in primo luogo il senso di avere una coniglietta formosa in un film con questo target.

Queste due polemiche hanno portato a due precise conseguenze: il taglio di Pepé e il nuovo design di Lola Bunny. Dopo l’uscita del trailer, però, molti fan e appassionati non hanno potuto fare a meno di notare un dettaglio che sembra andare controcorrente rispetto a questa strategia di cauto politicamente corretto della Warner. Ad un certo punto, infatti, sullo sfondo della partita tra LeBron e la squadra del Dominio, i Goons, si vedono i Drughi di Arancia Meccanica mentre fanno il tifo. Tutto il trailer è costellato di riferimenti ad altri film: dal Trono di Spade al Mago di Oz, passando per King Kong e il Gigante di Ferro. Un tripudio di camei che ha fatto subito pensare a Ready Player One.

drughi in space jam

La presenza dei Drughi però è decisamente controversa: il gruppo protagonista del film capolavoro di Stanley Kubrick è infatti dedito alla ultra-violenza, tra cui pestaggi e stupri. In Arancia Meccanica questo aspetto decisamente oltre il limite è esattamente il focus della storia, che gira attorno al percorso di “riabilitazione” di Alex DeLarge. Nel caso di Space Jam, invece, i Drughi sono presi fuori dal loro contesto e utilizzati come comparse sullo sfondo. Difficilmente i più giovani potranno cogliere il riferimento e fare questo tipo di ragionamento, ma sui social network e su alcune testate internazionali come TMZ sta sorgendo spontanea la domanda: “Ma come, viene eliminata una puzzola per atteggiamenti che inneggiano alla cultura dello stupro, seppur in modo cartoonesco, e poi nel film si inseriscono personaggi che sono davvero degli stupratori?“.

Una polemica che sta prendendo forza nelle ultime ore e non sarebbe strano se la Warner, così attenta alle dinamiche del politicamente corretto relative a Space Jam: A New Legacy, decidesse di correre ai ripari e sostituire le controverse comparse sullo sfondo.

Foto: Warner Bros. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA