alfred molina in spiderman no way home

Cade ogni mistero su uno dei rumor che negli ultimi mesi hanno riguardato l’atteso Spider-Man: No Way Home. Sul terzo film dedicato al personaggio interpretato da Tom Holland si dice da tempo che darà veramente (e finalmente) vita ad un multiverso in casa Marvel. Dopo le suggestioni sui possibili ritorni di Tobey Maguire e Andrew Garfield, sui quali ci sono molti indizi ma nessuna certezza, ora arriva la conferma ufficiale sulla presenza di un altro villain.

Il primo cattivo di Spider-Man: No Way Home del quale si ha avuto conferma è stato l’Electro di Jamie Foxx, che dopo essere apparso in The Amazing Spider-Man 2 approderà ufficialmente nell’MCU. Nelle ultime ore, però, anche Alfred Molina aka Doctor Octopus ha tolto ogni dubbio ai fan. L’attore, villain nel secondo capitolo della trilogia di Sam Raimi nel lontano 2004, ha infatti detto a Variety che sarà parte del film con Tom Holland. Nell’intervista, ha detto:

«Quando stavamo girando, abbiamo ricevuto ordini di non parlarne [della mia presenza ndr], perché doveva essere un grande segreto. Ma lo sapete, ormai è ovunque su Internet. Mi sono addirittura descritto come il peggiore a tenere segreti a Hollwyood

E dire che è una bella battaglia, con Tom Holland, più volte ripreso dalla produzione per i suoi continui spoiler (e con lui Mark Ruffalo). Ad ogni modo, Molina ha confermato che tornerà nei panni di Octo Octavius, il geniale scienziato che nella trilogia di Tobey Maguire dà del filo da torcere a Spider-Man, prima di sprofondare nell’East River. Appunto, come ha fatto Doctor Octupus a sopravvivere? 

Alfred Molina ha svelato che quando l’ha fatto notare al regista di Spider-Man: No Way Home, Jon Watts, questi gli ha risposto che «in questo universo, nessuno muore per davvero». La sua morte sarebbe stata in qualche modo evitata, magari tramite un escamotage che include viaggi nel tempo o realtà alternative. Questo spiegherebbe anche un’altra rivelazione fatta dallo stesso Molina nell’intervista, quando ha chiesto al regista se non fosse un problema che sia invecchiato così tanto dal 2004:

«Mi ha guardato e mi ha detto ‘Hai visto cosa abbiamo fatto a Robert Downey Jr. e Samuel L. Jackson?’»

Il riferimento è al ringiovanimento in CGI visto in Captain America: Civil War e in Captain Marvel, dove compaiono versioni “del passato” degli attori di Iron-Man e di Nick Fury. Ma perché il Dottor Octopus dovrebbe sembrare più giovane? Due le possibilità: per correggere il naturale invecchiamento dell’attore e farlo sembrare un po’ più prestante, oppure perché il personaggio stesso arriva davvero dal 2004. Una suggestione che confermerebbe quanto filtrato sinora sul contenuto del film, in uscita prevista a dicembre 2021.

Nelle ultime ore, inoltre, è arrivata un’altra importante seppur meno eclatante conferma sul cast di Spider-Man: No Way Home. Il sito Murphy’s Multiverse ha riportato la notizia che l’attore e regista Jon Favreau tornerà nel ruolo di Happy. Per il Peter Parker visto sinora nell’MCU, è come un padre dopo la morte di Iron-Man, o per meglio dire come uno zio, visto la sua relazione con il personaggio di zia May interpretato da Marisa Tomei.

Foto: Disney/Marvel Studios

Fonte: Variety

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA