Mentre al Comic-Con si avvicina il giorno di Lo Hobbit – Un viaggio inaspettato, si rincorrono sempre più insistenti le voci secondo cui i due film (previsti rispettivamente per il 14 dicembre 2012 e il 13 dicembre 2013) potrebbero diventare tre. Pare che al momento di montare il primo film, Un viaggio inaspettato, che verrà presentato domani a San Diego nell’ambito del panel di Warner Bros, Peter Jackson si sia reso conto di avere per le mani una quantità immensa di girato, tanto da trovare limitante la divisione in “solo” due film. I motivi per un’eventuale ulteriore divisione, d’altra parte, sono chiarissimi: il budget totale dei due film si aggira intorno ai 500 milioni di dollari, e far uscire al cinema tre capitoli invece di due significa essere più sicuri di rientrare nel budget (e di guadagnare anche una discreta somma). Non che ci siano dubbi che Lo Hobbit sarà un successo, ma la prudenza non è mai troppa… anche se sembra che della prudenza Jackson si disinteressi: «I film saranno due, il progetto era questo dall’inizio e non cambierà» le dichiarazioni che trapelano dalla Nuova Zelanda sulla questione.

Dichiarazioni un po’ piccate, come d’altra parte lo sono le altre parole che Jackson ha dedicato al suo film, dopo le polemiche seguite alle prime proiezioni di girato a 48fps e la sua risposta (un po’ piccata). Pare che il regista abbia infatti deciso di volare basso per l’evento del Comic-Con:

C’è un’enorme quantità di persone che vuole vedere Lo Hobbit, e non credo che le reazioni del Comic-Con, positive o negative, possano avere un qualche impatto sugli incassi. Ma dopo l’esperienza del CinemaCon, ho notato come l’opinione negativa dei blogger conti più di qualsiasi altra cosa, anche per la stampa mainstream. Io voglio che la gente si concentri sui contenuti, non sugli aspetti tecnici: quindi al Comic-Con proietterò Lo Hobbit in 2D e a 24fps.

Paura? Scarsa convinzione in questi benedetti 48fps? Oppure semplicemente il regista neozelandese è un po’ indispettito con la stampa internazionale? Comunque sia, domani a San Diego ci sarà da divertirsi…

Scopri tutte le news dal Comic-Con

© RIPRODUZIONE RISERVATA