Da mesi si susseguono i botta e risposta tra il governo coreano, la Sony e Seth Rogen e Evan Goldberg.

Tutto è dovuto al film politicamente scorretto dei due registi. Questa la trama: Dave Skylark (James Franco) è un conduttore americano, che con il suo produttore Aaron Rapoport (Seth Rogen) vola in nord Corea per intervistare il dittatore Kim Jong-un grande fan del suo show, ma la CIA ha piani differenti e li ingaggia per uccidere Kim Jong-un.

Il film non era mai stato accettato dal Nord Corea, che da questa estate annunciava battaglia.

E alla fine la “punizione severa”, che era stata annunciata è arrivata: un’operazione di cyberspionaggio da parte del governo nordcoreano ha messo fuori uso i sistemi informativi e informatici della Sony, la casa di produzione del film e molte mail sono diventate di dominio pubblico.

Nonostante tutto, giovedì si è tenuta l’anteprima di The Interview, un breve red carpet, pochi giornalisti, e nessuna voglia di rispondere a domande sulla vicenda.

Quando però Seth Rogen è salito sul palco ha dichiarato: «Prima di iniziare volevo ringraziare Amy Pascal [co-presidente della Sony] per aver avuto le pa**e di fare un film del genere!»

E il teatro ha reagito con una standing ovation.

Fonte: Variety

© RIPRODUZIONE RISERVATA