Mary Jane Watson non sarà presente nel reboot in 3D di Spider-Man. La notizia, riportata da ScreenRant, sta prendendo sempre più corpo in rete, anche se i dettagli sulla trama del reboot non sono stati ancora ufficializzati. Se confermata, la notizia segnerebbe la prima vera inversione di tendenza del film di Marc Webb rispetto alla trilogia di Sam Raimi con Tobey Maguire e Kirsten Dunst, che interpretava proprio Mary Jane Watson, in cui la “rossa” era uno dei personaggi principali del cast e l’unico vero interesse sentimentale di Peter Parker.

Emma Stone, che ha firmato per il ruolo di Gwen Stacy, era stata inizialmente accostata al personaggio interpretato da Kirsten Dunst, ma in seguito i dubbi sul suo ruolo sono stati fugati.

La bionda Gwen, nei fumetti, fu il primo amore di Peter Parker prima di venire uccisa da Goblin, in una scena del tutto simile – salvo il finale – a quella che nel primo film vede protagonista Mary Jane: Goblin fece cadere Gwen Stacy dal ponte, ma Spider-Man non riuscì a salvarla. Solo anni dopo la morte di Gwen scoppiò l’amore tra Peter e Mary Jane, che portò i due fino al matrimonio. Al contrario di tanti personaggi Marvel deceduti, però, Gwen non è mai stata riportata in vita dagli sceneggiatori, restando per sempre nel cuore dei lettori e sulla coscienza di Peter Parker.

Nella trilogia di Raimi, Gwen Stacy compariva solo nel terzo episodio ed in un ruolo decisamente minore, intepretata da Bryce Dallas Howard. Possiamo invece aspettarci che nel film di Webb sarà l’ unico interesse amoroso di Peter Parker.

Il reboot di Spider-Man vedrà Marc Webb (500 giorni insieme) alla regia, Andrew Garfield (The Social Network) nel ruolo di Peter Parker, Emma Stone (Benvenuti a Zombieland) nei panni di Gwen Stacy, Rhys Ifans (Notting Hill) nel ruolo del malvagio Lizard, Martin Sheen (Wall Street, Apocalypse Now) nei panni di Zio Ben e, probabilmente, Sally Field (Forrest Gump) in quelli di zia May.

L’uscita del film, che sarà in 3D, è prevista per il 2012.

Visita la nostra sezione Supereroi

Leggi lo speciale Supercinema: Quando i film hanno i superpoteri

© RIPRODUZIONE RISERVATA