L’uscita di Batman v Superman: Dawn of Justice (23 marzo) si avvicina, accompagnata – oltre che dalla grande attesa –  dagli ultimi rumor da Hollywood, che parlano di screen test che non hanno soddisfatto il pubblico e di un budget di produzione schizzato oltre i 400 milioni di dollari. Ma l’appuntamento resta circondato da un grosso hype e in occasione dell’uscita di Best Movie di marzo (in digitale dal 24 febbraio e in in edicola dal 26 febbraio), i fumettisti italiani Roberto Recchioni (curatore di Dylan Dog, papà di Orfani e ideatore del progetto Monolith, tra le altre cose), Sio (grazie al webcomic Scottecs le sue strisce sono diventate tra le più lette della Rete), Leo Ortolani (il papà di Rat-Man e la mente dietro parodie a fumetti di fenomeni quali Alien, Avatar, 300 e Diabolik) e Zerocalcare (La profezia dell’armadilloUn polpo alla golaOgni maledetto lunedì su dueDodici, L’elenco telefonico degli accolli, Kobane Calling e da ottobre 2015 presenza fissa su Best Movie con la rubrica Sparare a zero in cui dice la sua sui film e le serie tv del momento), hanno realizzato 4 variant cover dedicate al film di Zack Snyder, in cui reinterpretano a modo loro il grande duello tra i due supereroi protagonisti. Queste copertine da collezione le troverete TUTTE all’interno del numero in edicola dal 26 febbraio (e quindi NON digitale né in formato pocket).

Dopo avervi mostrato le opere di Recchioni e Sio, oggi è il turno di quella di Zerocalcare, che trovate in calce all’articolo (cliccate sull’immagine per ingrandire). Ricordiamo, inoltre, che in collaborazione con Warner lanceremo prossimamente un contest dedicato a Batman v Superman che metterà in palio tantissimi gadget da collezione. Per vincerli, dovrete però realizzare un disegno ispirato proprio alla grande sfida tra i due personaggi. Vi aggiorneremo in seguito con maggiori dettagli.

Per ingrandire la cover, cliccate sul pulsantino con freccia sull’immagine più sopra.

Clicca qui per vedere la cover di Recchioni

Clicca qui per vedere la cover di Sio

Clicca qui per vedere la cover di Leo Ortolani

© RIPRODUZIONE RISERVATA