Come promesso ecco i nomi dei vincitori del nostro concorso The Twilight Saga: Breaking Dawn – Parte 1, scrivi una recensione e vinci i premi del film!

In palio per le migliori recensioni postate sotto la scheda del film che rispettassero il limite delle 1600 battute 2 locandine autografate da Nikki Reed (Rosalie), 2 cd della Original Motion Picture Soundtrack (Warner Music) e 2 libri del romanzo di Stephenie Meyer, Breaking Dawn (Fazi Editore).

La partecipazione è stata come sempre massiccia con oltre un centinaio di recensioni postate sul nostro sito. L’arduo compito di selezionarne soltanto sei ha portato a proclamare i seguenti vincitori:

Vincono le 2 locandine autografate da Nikki Reed (Rosalie):

Movieaddicted81

Con Breaking Dawn – Parte 1 il regista Bill Condon riporta la saga di Twilight alle sue origini e riprende il percorso iniziato da Catherine Hardwicke dopo l’allontanamento di stile e approccio avvenuto in New Moon e Eclipse.
Breaking Dawn ha come punti di forza proprio quello che mancava nei due film precedenti: ha un montaggio lineare che permette uno svolgimento naturale degli eventi, non dimentica i passaggi più importanti ed amati del libro, inserisce la giusta dose di ironia, delinea i personaggi secondari attraverso brevi momenti in grado di mostrarne le caratteristiche essenziali, riesce a gestire i passaggi più rischiosi da tradurre in immagini (l’imprinting, il parto, la prima notte di nozze) senza problemi e sopratutto dà spazio alle emozioni senza mai esagerare. Condon ha inoltre il merito di essersi focalizzato sull’interiorità piuttosto che sull’esteriorità: vuole far entrare lo spettatore nella mente dei protagonisti con gli sguardi e i piccoli gesti, senza enfatizzarne la prestanza fisica.
La continuità con Catherine Hardwicke si evidenzia anche nelle citazioni inserite: l’incubo di Bella, il bacio sulle note di Flightless Bird, American Mouth, il momento della trasformazione con il passato in forma di flashback-allucinazione, senza dimenticare la colonna sonora affidata nuovamente a Carter Burwell.
I critici lo hanno comprensibilmente bocciato (i difetti ci sono e certe sequenze ricche di effetti speciali avrebbero richiesto maggior cura), ma chi si è innamorato della saga attraverso i romanzi ritroverà le emozioni e i personaggi che ha imparato ad amare.

LadyCullen

L’ultimo capitolo della Saga è davvero il più maturo e complesso dei quattro libri ed è un gran bene che sia stato diviso in due parti perchè altrimenti la trama non sarebbe stata resa al meglio.
All’inizio di Breaking Dawn ritroviamo i toni dolci e romantici a cui la Saga ci ha abituati ma dalla luna di miele in poi la trama prende una piega decisamente inaspettata.
Kristen Stewart riesce a dare a Bella un aspetto incredibilmente inquietante e realistico di una madre pronta a tutto pur di proteggere la creatura che porta in grembo.
Robert Pattinson è riuscito invece a dare al suo personaggio una sfaccettatura diversa rispetto al libro, un Edward ancora più combattivo e tormentato dai sensi di colpa.
E che dire di Taylor Lautner che dona a Jacob una maturità mai vista fino ad ora mostrandosi capace di ribellarsi al proprio branco pur di salvare la vita della sua amata Bella.
Il fantastico trio insieme al resto del cast ha dato il meglio di sè così come il regista Bill Condon e la sceneggiatrice Melissa Rosenberg.
Davvero bellissimi e commoventi i flashbacks della vita di Bella umana durante la scena della sua trasformazione in vampira. Il viaggio nella mente di Bella ci ricorda come la dolce e testarda mortale sia cresciuta e maturata superando tutte le prove che il soprannaturale le ha posto.
La storia di Edward e Bella è quasi giunta alla fine ma come ci preannunciano i Volturi i due innamorati dovranno combattere ancora molto per difendere il loro amore.

Non ci resta che aspettare impazienti la conclusione di questa favola moderna che ci ha fatto tanto sognare!

Vincono i 2 cd della Original Motion Picture Soundtrack (Warner Music)

Chiara1268

Amore, passione, affetto, rabbia, paura, tensione, un mix perfetto di emozioni per il quarto capitolo della vampire-saga più amata del pianeta. i fans non resteranno delusi davanti a questa trasposizione molto curata e attenta di uno dei libri più complessi scritti dalla Meyer. il nuovo regista (bill condon), è riuscito dove altri registi avevano fallito, cioè evidenziare con delicatezza i lineamenti psicologici dei personaggi, senza strafare, senza creare delle macchiette. nel complesso molte scelte registiche hanno aiutato lo spettatore a calarsi in questo mondo irreale, come la scelta di mantenere il flusso di pensieri del branco in una delle scene chiave, piuttosto che utilizzare un dialogo in forma umana; molto efficace la prospettiva straniante del parto, interamente girato dal punto di vista di una Bella assolutamente sconvolta e priva di lucidità. alcuni passaggi un pò ironici potrebbero far storcere il naso a qualcuno, ma più che come forzature possono essere letti come una piccola valvola di sfogo in un contesto estremamente teso, pieno di ansie e di paure. le poche licenze che si sono concessi, come la scena iniziale di edward al cinema, o il flashforward di jacob mentre ha l’imprinting, non alterano affatto l’equilibrio della narrazione. un film in cui finalmente emerge chiaramente la profondità del legame tra Edward e Bella per quello che è: un amore che va oltre il tempo, che è per sempre.

Vale_Pattz86

La parti che ho preferito sono state quelle della gravidanza, del parto e della trasformazione di Bella. Invece non mi è piaciuto il vestito da sposa e non mi pare che Kristen abbia reso bene l’emozione del suo personaggio: Bella è descritta sì nervosa, ma quando vede Edward dovrebbe essere più che felice, mentre ha dato l’impressione di una che va verso il patibolo…
Per quanto riguarda la luna di miele… E’ esattamente come quella del libro: era chiaro che non avremmo visto molto, ma in realtà non si è visto proprio niente!
La sua preparazione per la loro prima volta e i suoi tentativi per sedurre al marito li ho trovati molto divertenti, più che seducenti, ma se non altro hanno allentato la tensione permettendoci una sana risata.
Non mi è piaciuto, invece, è il confronto fra Edward e Jacob fuori da casa Cullen. Secondo me nessuno dei due attori ha saputo rendere giustizia a quel momento: nel volto di Robert non c’è traccia dell’uomo divorato dalle fiamme, mentre Taylor non ha trasmesso la giusta dose di rabbia, e dolore che avevo immaginato leggendo il libro.
Belle le musiche e gli effetti speciali: in particolare quelli per la scarnificazione del corpo dell’attrice nella scena in cui si toglie l’accappatoio per entrare nella doccia, mentre Edward sconvolto la guarda. Tuttavia, forse hanno dimenticato che Edward brilla alla luce del sole!
In conclusione promuovo il film con un 4/5!

Vincono i 2 libri del romanzo di Stephenie Meyer, Breaking Dawn (Fazi Editore):

Mikypotty

Finalmente è arrivato nelle sale il tanto atteso 4°film della twilight saga. Dopo tutte le recensioni negative che avevo letto nei vari siti che hanno potuto assistere al film in anteprima, mi ero precipitata in sala con la consapevolezza che ne sarei uscita delusa, ma invece vi assicuro che non è stato per niente così! Secondo il mio parere è stato il film che più è rimasto fedele al libro scritto dalla Mayer. Le piccole aggiunte che sono state fatte erano tutte funzionali alla trama e nessuna è stata fuori luogo, a partire dai vari commenti post-matrimonio degli amici e parenti degli sposi (molto simpatici) fino alla scena dell’arrivo della lettera ad Aro con la notizia che Bella era diventata una vampira. Tra le scene più belle c’è senz’altro quella del matrimonio, in cui Bella veste un abito da favola mentre la scena del parto l’ho trovata alquanto cruda, ma perfetta per spiegare il dolore che sta provando la ragazza in quel momento e la difficoltà nel far finire tutto nel migliore dei modi. Per quanto riguarda la colonna sonora ho notato che ci sono tantissimi rimandi al primo film, con numerose parti in cui si sente la famosa Bella’s Lullaby di Carter Burwell. Anche le altre musiche non sono niente male e poi, come ciliegina sulla torta, Bruno Mars nei titoli di coda: wow! In conclusione non posso fare altro consigliare a tutti di andarlo a vedere e di non alzarsi assolutamente dalle poltrone durante i titoli di coda!

Newgreenday

Parto subito dalla parte, secondo me, non riuscita perfettamente.
Avendo letto tutti i libri… più di una volta, non vedevo l’ora di vedere Breaking Dawn per vedere la “relazione” che si instaurava tra Bella e Rosalie.
Nel film, secondo me, non si capisce quanto Bella abbia bisogno di Rosalie e quanto Rosalie sia “attratta” dal suo pancione, si capisce che c’è un forte legame (la scena della vasca da bagno molto dolce) ma non è stato approfondito come nel libro.
In alcune scene si vede Bella da sola e questo nel libro non succede mai, e poi mancano tutte quelle belle battute scambiate tra Rosalie e Jacob (spero tanto che ci siano nelle scene tagliate o estese).
Per il resto devo dire che è Stupendo…secondo me la recitazione di Kristen e Robert è molto migliorata, sono sempre di più nella parte. Non si è mai visto così tanto ridere Edward come nella prima parte del film! Il matrimonio è emozionante: il cambiamento di Bella da quando inizia la camminata, impacciata e impaurita, a quando vede Edward e non vedo l’ora di raggiungerlo si nota subito; la scena della preparazione di Bella per la prima notte divertentissima e molto stile Bella e il modo che Bella cerca di sedurre Edward goffo e molto dolce.
E poi c’è il parto e la trasformazione….
Due aspetti molto attesi e, secondo me, molto ben fatti.
E il filo conduttore per la seconda parte…la scena dove Bella apre gli occhi…

Complimenti a tutti!

E non dimenticate che in edicola vi aspetta la Special Edition dedicata al film!

Leggi la nostra recensione di Breaking Dawn – Parte 1!

Guarda le foto della premiere di Los Angeles

Consulta la scheda del film e guarda il trailer

Guarda la photogallery del film

Guarda i video del backstage

Leggi tutte le notizie su Breaking Dawn

© RIPRODUZIONE RISERVATA