Sono 63 i film provenienti da altrettanti paesi che concorrono ad entrare nella cinquina dei candidati al miglior film straniero dei prossimi premi Oscar, la cui cerimonia di assegnazione si terrà il 26 febbraio a Los Angeles. Lo ha reso noto l’Academy. Si registra per la prima volta la partecipazione della Nuova Zelanda con The Orator di Tusi Tamasese. Tra i candidati dei vari paesi, oltre all’italiano Terraferma di Emanuele Crialese, ci saranno Miracolo a Le Havre di Aki Kaurismaki (Finlandia), A Simple Life di Ann Hui (Hong Kong, Coppa Volpi per la miglior attrice a Venezia68), il dramma The Flowers of War (nella foto), diretto Zhang Yimou e interpretato da Christian Bale, Declaration of War di Valérie Donzelli (Francia), Pina di Wim Wenders (Germania), Una separazione di Asghar Farhadi (Iran, Orso d’Oro a Berlino), Where Do We Go Now? di Nadine Labaki (Libano, premiato a Toronto), Once upon a Time in Anatolia di Nuri Bilge Ceylan (Turchia), Patagonia di Marc Evans (Gran Breatagna), Black Bread di Agusti Villaronga (Spagna), Footnote di Joseph Cedar (Israele), Elite Squad: The Enemy Within di José Padilha (Brasile) e La cittadella del russo Nikita Mikhalkov (scelto al posto del Faust di Sokurov Leone d’Oro a Venezia68). Le nomination saranno annunciate il 24 gennaio.

Leggi tutto sugli Oscar 2012

© RIPRODUZIONE RISERVATA